Vi presentiamo il progetto CNR "Smart Cities Living Lab – Siracusa" che sarà possibile sperimentare LIVE a Smart City Exhibition 2014, all’ingresso dell’Area Networking - padiglione 31, ed approfondito il pomeriggio del 24 Ottobre durante il convegno "Il Paese Riparte dalle Città" con l’intervento di Vincenzo Raffaelli – CNR (responsabile del progetto).

La città di Siracusa è stata selezionata attraverso un bando nazionale, promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e dall'ANCI, per l'area "Città dotate di monumenti di alta rilevanza storica da attrezzare con strumenti multimediali, nelle quali studiare e sperimentare un insieme coordinato di servizi e soluzioni innovative improntate al turismo e alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale che la città possiede".

L'obiettivo del progetto è la valorizzazione del patrimonio storico presente nel territorio, favorendone la gestione e promozione intelligente, creando canali di comunicazione diretta, fornendo informazioni e servizi personalizzati in tempo reale per turisti e cittadini. Le soluzioni implementate e messe in esercizio rappresentano un'anteprima nazionale e permettono una fruizione immersiva dei beni archeologici attraverso l'utilizzo di tecnologie 2.0 e di una navigazione intuitiva e coerente dei contenuti su tutti i media a disposizione degli utenti.

L'esperienza dell'utente è fatta di due momenti distinti: da casa - attraverso un portale web - e sul territorio di Siracusa, dal proprio device mobile tramite un'apposita app, da 6 totem digitali informativi e dai QR-code installati presso i vari siti storici.

Il portale web www.welcometosiracusa.it introduce gli utenti al progetto e permette al turista, ancor prima di partire, di prendere visione via web delle potenzialità della città di Siracusa, attraverso l'utilizzo di strumenti di geolocalizzazione e l'inserimento dei più importanti punti di interesse storico-archeologico di Neapolis e Ortigia sulle mappe interattive – corredate non solo di descrizioni testuali e fotografiche, ma anche da tour virtuali fotografici con riprese da terra e da drone.

Una volta giunti sul posto, l'applicazione per device mobili "Welcome to Siracusa" - gratuita e disponibile per i diversi store - ha la duplice funzione di guidare il turista alla ricerca dei qr-code dislocati sul territorio e di accompagnare gli utenti in un viaggio nella Siracusa antica, attraverso ricostruzioni digitali tridimensionali delle testimonianze archeologiche sovrapposte alla Siracusa odierna. Tali ricostruzioni rappresentano un autentico strumento di sintesi che permette di trasferire e veicolare - attraverso le diverse forme di computer vision - i risultati acquisiti dalla ricerca scientifica, rappresentando con un linguaggio immediato gli elementi indispensabili per una più profonda comprensione dei monumenti.

Alcuni di questi contenuti multimediali vengono riproposti anche attraverso i sei totem interattivi collocati in piazza Duomo, presso il tempio di Apollo e all'ingresso di Neapolis. I device sono stati disegnati per accogliere sul posto il turista, fornendo l'accesso non solo ai contenuti storici ma anche ad una varietà di applicazioni informative e di intrattenimento, permettendo agli utenti che vogliono conservare un ricordo della visita, di scattarsi alcune fotografie sfruttando la webcam integrata nel totem, ed inviarle come cartoline virtuali per e-mail o attraverso i social network preferiti.

Per monitorare lo stato di salute della città, è stato inoltre sviluppato un innovativo sistema integrato di stazioni che sono state installate sui totem (SensorWebTourist), sulle auto (SensorWebCar) e sulle biciclette (SensorWeBike) della Polizia Municipale. Una città, infatti, può essere concepita come un ecosistema al cui interno energia e materia - acqua, nutrienti, materiali e rifiuti - scorrono come in un flusso, definito "metabolismo urbano": analizzando i parametri e verificando entrate e uscite, l'amministrazione cittadina avrà ulteriori elementi per indirizzare e monitorare i propri interventi per migliorare il metabolismo dell'ecosistema, contribuendo in tal modo ad aumentare anche il benessere di chi vive al suo interno. E tutto questo avviene in completa trasparenza, in quanto i dati acquisiti vengono visualizzati sui totem digitali in tempo reale, consentendone la lettura anche alla popolazione e ai turisti.

Grazie alle ricostruzioni virtuali tridimensionali del patrimonio culturale e archeologico, ai servizi multidevice, ai sistemi informativi geografici su web e alle tecnologie per il monitoraggio ambientale, il progetto Smart Cities Living Lab Siracusa si candida tra le buone pratiche internazionali sul tema delle città intelligenti, mostrando sul campo i possibili scenari evolutivi per le città d'arte e fornendo un'ampia panoramica sul livello avanzato della ricerca e della tecnologia italiana, suscitando nel visitatore una reazione allo stesso tempo intellettuale ed emotiva.